Come nasce “SEGREGATA – Una madre contro il coronavirus”

Condividi questo articolo

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

“SEGREGATA – Una madre contro il coronavirus” nasce dal cuore di una mamma. Nasce da un’esperienza drammatica nella mia famiglia durante la prima ondata di coronavirus in Italia, quando, increduli e spaventati, noi italiani e, particolarmente, noi del nord Italia, ci siamo trovati a tu per tu con un nemico subdolo e invisibile che ha cominciato a straziare le famiglie e a sconvolgere le nostre vite.

Ciò che il male separa, il Cuore unisce

Segregata: 40 giorni di solitudine

La mia è una famiglia di Monza. Siamo come tante altre persone, e come loro abbiamo le nostre forze, le nostre gioie, ma anche le nostre fragilità.

Il 7 marzo 2020 mi sentivo debole e “rallentata”. Strano per una come me abituata a scoppiare di energia. É stato allora che ho cominciato a sospettare di aver contratto il coronavirus. Da quel momento, ho trascorso quaranta giorni “segregata” in camera da letto per non contagiare mio figlio Jaya affetto da distrofia facio-scapolo-omerale (FSHD) e i miei anziani genitori, entrambi categorie di persone ad alto rischio. Reclusa nella mia stanza, ho minimizzato per quanto possibile la mia situazione con i miei familiari per non farli preoccupare.

Ho affrontato tutti gli stadi di sofferenza del coronavirus; non sono arrivata al passo estremo dell’insufficienza respiratoria, ma ho vissuto sempre in bilico, sopportando per giorni una febbre superiore ai quaranta gradi. E poi è arrivato il momento della svolta. La febbre ha cominciato a scendere senza uso di antipiretici. Presa da un impeto di riconoscenza, ho iniziato a scrivere un libro per dare sfogo alla mia esperienza, ma, soprattutto, in segno di gratitudine per la salute ritrovata e per restituire questo dono al mondo.

Contribuisci anche tu a celebrare il Bene e la Vita

Segregata: una celebrazione del Bene e della Vita

Ecco come il male può essere trasformato in Bene. Ciò che il male divide, il Cuore unisce.

“SEGREGATA – Una madre contro il coronavirus” è un capolavoro di resilienza, di ottimismo, di solidarietà. É la forza della vita, la forza dell’amore che non si rassegna a soccombere sotto i colpi falcidianti dell’angoscia e della malattia.

Mentre ero segregata in camera, ho pregato per tutte le ambulanze che passavano sotto la mia finestra, per le famiglie straziate, per gli anziani soli e spauriti, per i nostri favolosi operatori sanitari, per i cassieri dei supermercati, e per i volontari che rischiavano la vita per dare sollievo ai più bisognosi di assistenza. Ho pregato per chi non ce l’ha fatta, ho pianto e ho sofferto molto, come milioni di italiani e specialmente molti lombardi, veneti, piemontesi ed emiliani. Quando ho capito che il mio organismo stava superando la fase acuta del male e mi avviavo alla guarigione, ho fatto una promessa:

“scrivere un libro che esprimesse tutta la mia Gratitudine per la Salute ritrovata e che, alla faccia del male, celebrasse il Bene e la Vita.”

Segregata: un’iniziativa benefica al 100%

“SEGREGATA – Una madre contro il coronavirus” andrà in beneficenza al 100%!  Il mio obiettivo è raccogliere 100.000 euro entro il 30 ottobre 2020 a favore dell’Ospedale San Gerardo di Monza e di UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).

Il mio pensiero va al reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale di Monza, la mia città. Il denaro raccolto verrà impiegato per l’acquisto di dispositivi per la protezione della salute di mamme gravide, puerpere e dei loro neonati. É questo un modo significativo di contribuire alla “vita” contro il “male”, ossia la malattia.

Il mio cuore va anche alle persone che vivono con una disabilità. I proventi sosterranno “Vita Indipendente”, un programma innovativo che vedrà il gruppo giovani della UILDM porre le basi di un progetto di autonomia per costruire il loro futuro. Creatività e progettualità, il binomio perfetto per guardare alla vita con Speranza e Attivismo.

Il ricavato delle vendite sarà destinato in beneficenza al 100%

Segregata: Un Inno alla Gratitudine, all’Ottimismo e alla Speranza

SEGREGATA – Una madre contro il coronavirus è un libro sulla Gratitudine, l’Ottimismo e la Speranza. É un libro che ti dà una carica di positività tale che ti viene subito voglia di dare una svolta al tuo futuro e a quello della nostra bellissima Italia, celebrare i Valori che contano e apprezzare le Piccole Cose che danno un significato alla vita. La prefazione è di Vincenzo Mollica che ha regalato la poesia “La Speranza”

Aiutami a raccogliere 100.000 euro, fai la tua donazione e scarica il mio libro SEGREGATA – Una madre contro il coronavirus. Puoi acquistarlo per te oppure donarlo ai tuoi amici. Capirai come la mia vita ha preso una svolta, reagendo al male con il Bene. Anche tu puoi farlo!

“Ciò che il male divide, il Cuore unisce”.

Contribuisci anche tu a celebrare il Bene e la Vita

Contattaci

Come possiamo aiutarti?

Compila il modulo e ti ricontatteremo al più presto.

*Campo obbligatorio

Questo sito utilizza i Cookie. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei Cookie come specificato nella Cookie Policy; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.